10 città molto cool d’Europa, assolutamente sottovalutate che tutti dovremmo visitare

città sconosciute d'europa da prendere in considerazione per il tuo prossimo viaggio

Città sconosciute ai più da rivalutare e conoscere per bellezza, servizi, offerta, esperienze originali , accessibilità ed eco-stenibilità: pronti a partire?

di Sabrina Barbante 

Siamo abituati a consigliarti itinerari di viaggio di un certo spessore e valore, siamo abituati a cercare luoghi fuori dal tracciato, cool, che offrono scenari di viaggio originali, inediti, interessanti e accessibili.
In breve, siamo la tua guida ai viaggi cool e oggi non saremo da meno.

Ecco, dunque, per te un elenco di 10 città medio piccole d’Europa che probabilmente non conosci ma che ti stupiranno per la loro bellezza, tipicità e accoglienza.
E anche per la loro attenzione ad accessibilità ed eco sostenibilità.

Città da vedere, percorrere e toccare in Belgio, Lettonia, Irlanda e Ungheria.

Ottignies-Louvain-la Neuve, in Belgio.

piazza di Ottignies-Louvain-la Neuve
Ottignies-Louvain-la Neuve

Tre nomi di tre precedenti piccole città che adesso formano una cittadina degna di essere meta turistica apprezzata. I tratti delle città di campagna restano evidenti ad esempio nella sua aria pulita e nei suoi corvi e allodole che salutano dai pagliai, la città è nota alla nicchia degli amanti dei percorsi verdi alternativi per le sue politiche di chiusura al traffico e ristrutturazione totale dei marciapiedi, tutti accessibili e facilmente percorribili da carrozzine e passeggini.

ingresso e facciata Ottignies-Louvain-la Neuve
Ingresso e facciata Musée_Hergé

Ricco di musei moderni e accessibili con diversi percorsi tattili per non vedenti e ipo vedenti, ti consigliamo in particolare il Musée Hergé, l’artista e fumettista di cui i belgi vanno tanto orgogliosi.

Kaposvár, Ungheria

Mai sentita nominare, vero? Eppure merita una bella visita questa cittadina ungherese, quasi completamente pedonale. Il 90% delle attrazioni turistiche di questa cittadina molto tipica sono pienamente accessibili e di conseguenza anche i locali della movida e dello svago si sono adeguate. Mappe tattili sparse per tutta la città rendono autonome le persone con deficit visivo e nei punti informazioni sono disponibili audio guide gratuite.

imponente rocca di cashel_irlanda_accessibile
Rocca di Cashel, con percorsi interni accessibili

Per chi ama i centri storici molto molto tipici, Cashel offre questo insieme alle vibrazioni tipiche delle antiche cittadine irlandesi. Non vi stupite se sentite canti celtici e musica dal vivo uscire dagli antichi pub. La vera Irlanda vibra qui, in questo borgo con centro storico accessibile al 90% e con una antica rocca, meraviglia dell’architettura medievale.

Natura da scoprire dall’Austria, ai Paesi Bassi alla Francia.

Kaunertal Valley_austria_panorama visto da una piattaforma accessibile al termine di un percorso
Kaunertal Valley

Se in molti sono abituati a pensare che i percorsi naturali e in particolare quelli di montagna non siano adatti a tutti… forse non conosce le comunità austriache della Kaunertal Valley, i cui percorsi montani accessibili con sedia a rotelle fino all’altitudine di 2750 metri abbattono un grande stereotipo, prima ancora delle barriere architettoniche e naturali.

Sempre per chi ama i percorsi naturalistici, Horsterworld, nei Paesi Bassi è una foresta in cui poter fare trekking in una biodiversità incredibile! Accessibilità ed eco sostenibilità sono gli elementi che la rendono ancora più preziosa, dal momento che i percorsi nella foresta sono stati resi completamente accessibili in modo armonico e rispettoso dell’ambiente. Inotlre la foresta è attraversata da perscorsi per bici elettriche, da ricaricare nei vari punti ristoro.

parco attraversato da un percorso accessibile

Parlando sempre di parchi naturali, il Morvan Regional Natural Park, in Francia, nei suoi quasi 3 mila chilometri offre attività a contatto con la natura per apprezzarla e scoprirla, come la pesca e il nuoto per disabili o l’arrampicata per non vedenti, fino alle corse su sterrato. Non solo verde e natura ma anche borghi e cattedrali, castelli e vecchie tipiche fattorie in quest’area in cui scoprire aspetti meno noti del folklore francese.

Spiaggia e mare lontane dai soliti luoghi comuni

Polis Chrysochous_banchina al porto al tramonto
Polis Chrysochous

Che la Croazia, la Grecia e Cipro siano posti bellissimi in cui godere di un meraviglioso mare cristallino e di tanta accoglienza non siamo certo noi a dovertelo dire. Ma forse ti siamo di aiuto consigliandoti di dare una chance alle località di Svetvinčenat, nell’Istria centro meridionale, Polis Chrysochous, a Cipro e Marathon, in Grecia.
Gran parte di luoghi e strutture ricettive, comprese le spiagge, sono accessibili e di alto livello: fiore all’occhiello della cittadina istriana sono i menu stampati in Braille mentre  Chrysochous è stata premiata per aver introdotto un sistema innovativo per permettere l’accesso alla piaggia dei turisti disabili, alimentato da pannelli fotovoltaici.
a Marathon invece chi ama sia il mare che la montagna può gratificare questa passione nella spiaggia di Nea Makr, romantica e piena di ispirazione e nel Parco Nazionale di Schinias.

Liepāja, installazione riflettente sulla spiaggia_nome della città scritto con lettere a specchio che riflettono il panorama, il quale forma il nome della città grazie a questo materiale
Liepāja, installazione riflettente sulla spiaggia

Quel che forse in pochi considerano è l’offerta di spiagge e mare bellissimo della Lettonia. In particolare  Liepāja, Lettonia. Premiata per la particolare attenzione data alle esigenze delle persone non vedenti e ipovedenti, con percorsi speciali e descrizioni in Braille in tutte le aree del particolare centro storico che si sviluppa lungo la vita vivace dell’antico porto.
Fiore all’occhiello della vita naturalistica regionale sono i percorsi di birdwatching, attrezzati anche per itinerari in sedia a rotelle.

Segnalaci i luoghi e i percorsi accessibili in Italia… con un selfie!