Cose che nessuno ti dice sul 5×1000

Ci sono aspetti del 5×1000 che in pochi conoscono… e noi te li diciamo. 

Neanche noi di Movidabilia, cui è possibile devolvere il 5×1000, ci siamo prima d’ora mai soffermati su alcuni aspetti della quota IRPEF che ogni anno i contribuenti possono “donare” al terzo settore, che sono invece molto interessanti da conoscere. 

Dal momento che si tratta di una misura fiscale molto importante sul piano civico e politico, è bene conoscere alcune piccole e utilissime “curiosità” e dettagli pratici su questo strumento.

Dunque, oggi ti sveliamo alcune cose del 5×1000 che forse non sai. 

Prima di tutto…

Non è una donazione 

percorsi multisensoriali in italia
ph. di Ksenia Makagonova, Unsplash

Tutti parlano di “donare il 5×1000”; anche noi di Movidabilia, che come molte altre associazioni con una mission di utilità sociale possiamo fare nuovi progetti per l’accessibilità anche grazie al 5×1000, spesso abbiamo erroneamente usato la parola “donare”. 

Certo, la parola “dono” è legata al concetto di gratitudine, che è quello che prova ogni associazione quando ha delle risorse per portare a termine un progetto. Tuttavia è un termine decisamente errato. 

In realtà il termine giusto è destinare: non si tratta infatti di una vera e propria donazione perché

  • Non è davvero volontaria come una donazione ma lo stato la trattiene al prescindere dalla preferenza espressa dal contribuente;
  • Non comporta una spesa per il cittadino.

Il 5×1000 è una quota dell’IRPEF che comunque va allo Stato e che ovviamente è calcolata sul reddito. Lo Stato a sua volta rinuncia a questa quota, devolvendola alle associazioni destinatarie. 

Se non scegli tu, sceglie lo stato

Sud Sound System, famosissimo gruppo musicale
Sud Sound System, gruppo musicale

Dal momento che il vero titolare delle quote di 5×1000 versate è lo Stato, se il cittadino non indica a chi devolvere il suo 5×1000 sarà lo Stato a scegliere. 

Più nel dettaglio, ogni anno il Ministero raccoglie anche le quote di 5×1000 per cui non è stata espressa una preferenza e le divide tra le varie associazioni aventi diritto a riceverlo.

Per questo è molto meglio indicare una preferenza, perché non costa nulla ma puoi decidere chi, secondo la tua sensibilità, merita questa tua quota di IRPEF. 

dona il 5x1000 a movidabilia

Leggi anche questi consigli su come scegliere a chi devolvere il tuo 5×1000

Anche chi non fa la dichiarazione dei redditi può destinare il 5×1000

Quando si parla di 5×1000 si parla anche spesso e tanto di dichiarazione dei redditi e 730
In realtà è anche possibile destinare il 5×1000 senza fare la dichiarazione dei redditi, basta semplicemente: 

  • Prendere la scheda all’interno dello schema di Certificazione Unica (CU) o al Modello REDDITI Persone Fisiche, 
  • Compilarla con i propri dati e i dati dell’ente destinatario, (ad esempio nel caso di Movidabilia inserendo il codice fiscale 93121150754)
  • Consegnarla in un ufficio postale o in banca, in busta chiusa, indicando la dicitura “scelta per la destinazione del 5 per mille dell’IRPEF”. 

Il tutto, completamente gratis. 

Non ti costa niente

cose che non sai sul 5×1000

Non ci stancheremo mai di ripetere questo aspetto, ancora non sufficientemente comunicato:

Devolvere il 5×1000 esprimendo la propria preferenza non costa nulla, non è una tassazione aggiuntiva ma una piccola quota della tassazione già esistente sulle persone fisiche. 

Esiste solo in Italia

Da un lato il fatto che la possibilità di devolvere il 5×1000 sia una misura fiscale esistente solo nel nostro Paese è elemento di vanto: lo Stato rinuncia ad una parte del getto fiscale per assegnarlo ad associazioni ed enti che si occupano di azioni ti utilità sociale e al contempo sensibilizza i cittadini, invitandoli a fare una scelta e quindi ad interessarsi al terzo settore e al volontariato. 

D’altro canto, l’istituzione del 5×1000 è stata anche una misura adottata (nel 2006) per colmare un gap tra l’Italia e gli altri stati dell’UE che già attuavano politiche ben più efficienti a favore delle Onlus e delle Non profit, come la detrazioni molto più alte sulle donazioni fatte al terzo settore. 

mezzo busto con chitarra, giacca rossa e maglia IN LIS WE TRUST

E tu, sai già a chi devolverai il 5×1000?
Puoi devolverlo anche a Movidabilia – Spazi senza barriere.

La missione di Movidabilia è raggiungere una concreta inclusione attraverso:

  • Progettazione sociale e organizzazione di eventi culturali accessibili
  • campagne di sensibilizzazione che prevedono il coinvolgimento attivo di persone, imprese ed enti.
  • Servizio di consulenza e supporto legale per casi di discriminazione e inaccessibilità.
Share